EME Borsite-pertrocantericaLa borsite trocanterica (o trocanterite) è un’infiammazione della zona femorale, così denominata in quanto colpisce la borsa sieromucosa del gran trocantere.

La borsite può colpire indistintamente soggetti sedentari o sportivi. I soggetti di mezza età, in sovrappeso o che hanno problemi derivanti dall’alterazione dei meccanismi di deambulazione (soggetti affetti da artrite reumatoide, coxartrosi, dismetria degli arti inferiori ecc.) sono sicuramente quelli più predisposti alla manifestazione di tale condizione patologica. Inoltre la borsite colpisce più frequentemente soggetti di sesso femminile a causa dell’ampiezza del loro bacino e del conseguente aumento tensivo delle strutture tendinee. Come però accennato, tale condizione può colpire anche i più atletici, solitamente in seguito a movimenti errati o ripetuti e cadute, i portieri in particolar modo ma anche corridori, sciatori e lottatori. In questo caso l’unica accortezza che è possibile seguire per tentare di prevenire la comparsa della borsite è un buon riscaldamento prima delle attività fisiche e, nel caso specifico dei runner, la scelta di un buon terreno.
La borsite si manifesta con un dolore, solitamente sopportabile ma continuo, che si fa sentire più forte quando si compiono alcuni gesti quotidiani come scende o salire le scale o accavallare la gambe.

Il trattamento

Nonostante tale condizione patologica non sia particolarmente invalidante è opportuno non sottovalutarla e ricorrere al medico per non aggravarla e allungare i tempi di guarigione. Per la risoluzione dello stato doloroso oltre al ricorso ad antinfiammatori ed esercizi di stretching e di rieducazione, per i casi più gravi o per gli sportivi, per cui il tempo di recupero è fondamentale, è possibile utilizzare l’endodiatermia (tecar), il laser ad alta potenza e le onde d’urto. Tali tecnologie possono essere utilizzate anche in combinazione, come accade spesso per laser ad alta potenza ed endodiatermia, al fine di ottenere una radicale risoluzione del problema. Il laser ad alta potenza è infatti ideale per il trattamento di questo tipo patologia di natura infiammatoria o degenerativa in quanto ha effetto biostimolante, antalgico, antinfiammatorio e decontratturante.